ENEMY

un film di Denis Villeneuve

Mercoledì 25 luglio - ore 21.30

Anfiteatro di Palazzo Toaldi Capra
via Pasubio, 52 – Schio (VI)

In caso di maltempo gli spettacoli saranno annullati.

Toronto. Il docente universitario di Storia Adam Bell ha una compagna con cui il rapporto non è dei più sereni. Un giorno noleggia un film, su consiglio di un collega. Al termine della visione è decisamente turbato: nel film c’era un attore in un ruolo secondario che gli assomiglia in modo assoluto.

Cerca di identificarlo, si chiama Anthony Claire, e riesce a sapere dove abita scoprendo anche che hanno la stessa voce. Da quel momento ha inizio per lui un’ossessione.

Scheda tecnica

  • Titolo Originale

    Enemy

  • Regia

    Denis Villeneuve

  • Paese, anno

    Canada, Spagna,2013

  • Genere

    Thriller

  • Durata

    90'

  • Sceneggiatura

    Javier Gullòn

  • Fotografia

    Nicolas Bolduc

  • Colonna sonora

    Saunder Jurriaans, Danny Bensi

  • Montaggio

    Melanie Ann Oliver

  • Interpreti

    Jake Gyllenhaal, Melanie Laurent, Isabella Rossellini, Sarah Gordon

Recensione

Nel processo di adattamento dalle pagine alla messa in scena, questo stretto legame con la rappresentazione filmica si carica di un valore metacinematografico, che pur non costituendo l’essenza ultima della pellicola ne enfatizza i processi narrativi, arricchendoli con la forza della visione. Meccanismo questo tanto scontato quanto complesso, che il cineasta canadese riesce a far funzionare perfettamente, partendo da un solido ma intricato materiale di partenza: un giovane professore di storia s’imbatte casualmente in un film consigliatogli da un collega e tra le comparse che figurano nota un attore identico a lui. L’iniziale incredulità prende subito i tratti della paranoia che lo porta a contattare e ad avvicinare il suo sosia per scoprirne l’identità. L’inquietante incontro è un reale faccia a faccia con se stesso che scatenerà definitivamente l’ossessione, risucchiandolo in una nevrotica spirale di eventi inspiegabili e strane coincidenze che lo spingeranno sempre più a fondo in questo folle incubo. Così come in Strade perdute di Lynch anche in Enemy la porta per accedere all’impero della mente è dunque un’immagine registrata. È sempre una visione disturbante a condurci dentro il protagonista e come Cronenberg ci insegna, è sempre un’immagine virale a scatenare il contagio. Sulla lezione di due maestri, Villeneuve abilmente impernia questi momenti di metacinema, dalla riflessione sul grado di realtà delle immagini fino alla figura dell’attore come doppio e alter-ego. Se sosia e cloni però da sempre influenzano opere letterarie e cinematografiche, il fascino di Enemy non si misura quindi sull’originalità dei presupposti del soggetto, ma in base all’abile capacità di relazionarli alla funzionalità delle considerazioni appena esposte messe al servizio di una narrazione impeccabile e dal ritmo ammaliante, che accompagnata da ipnotici espedienti sonori e visivi racchiude tutta la tensione della pellicola. Al pari di Spider che costruiva ragnatele con lo spago, così la macchina da presa tesse la sua tela nel seguire il nostro Adam Bell perdersi nel labirinto in cui Villeneuve ci aveva già rinchiuso in Prisoners e dal quale sarà ancor più arduo uscirne. Ci attende forse lo stesso destino del Jack Torrance di Shining? Come il film di Kubrick anche Enemy – per dirla con Ghezzi – «tiene fede alla forma linguistica dell’inconscio» e solo seguendo tale linguaggio, come un filo d’Arianna, ci si può districare in questo dedalo d’apparenze. Ma dopotutto la chiave per decifrare il caos potrebbe essere già nella nostra tasca.