FINCHÈ C’È PROSECCO C’È SPERANZA

un film di Antonio Padovan

Sabato 07 luglio - ore 21.30

Anfiteatro di Palazzo Toaldi Capra
via Pasubio, 52 – Schio (VI)

In caso di maltempo gli spettacoli saranno annullati.

 

Campagna veneta, colline del Prosecco.
Una serie di omicidi e, unico indiziato, un morto: il conte Desiderio Ancillotto, grande vignaiolo che pare essersi tolto la vita inscenando un improvviso e teatrale suicidio.

Un caso apparentemente impossibile per il neo-ispettore Stucky, metà persiano e metà veneziano: appena promosso, impacciato ma pieno di talento, per risolvere il caso deve fare i conti con le proprie paure e un passato ingombrante.

Sullo sfondo, tra i filari, una battaglia per la difesa del territorio e delle bollicine che anima bottai, osti, confraternite di saggi bevitori: Stucky intuisce presto che la soluzione dei delitti passa attraverso il modo di vedere la vita, e la vite, del conte Ancilotto.

Scheda tecnica

  • Titolo Originale

    Finchè c’è prosecco c’è speranza

  • Regia

    Antonio Padovan

  • Paese, anno

    Italia,2017

  • Genere

    Giallo

  • Durata

    101'

  • Sceneggiatura

    Fulvio Eras, Antonio Padovan, Marco Pettenello

  • Fotografia

    Massimo Moschin

  • Colonna sonora

    Teho Teardo

  • Montaggio

    Paolo Cottignola

  • Interpreti

    Giuseppe Battiston, Teco Celio, Liz Solari, Roberto Citran, Silvia D’Amico, Babak Karimi, Rade Serbedzija

Recensione

Nella prima scena di Finché prosecco c’è speranza, il personaggio di Rade Serbedzija, il burbero conte che produce vino con metodi rigorosamente naturali e che dopo pochi minuti morirà suicida, spiega col calice in mano che solo da grande ha capito il senso della frase che gli diceva sempre il nonno: “Quando un giorno questa terra sarà tua, ricordati che anche tu sarai suo”.
Lo mette in chiaro da subito, Antonio Padovan, il suo esordio è prima di tutto un film sulla sua terra, sul terroir dal quale proviene, lui che poi si è trapiantato a New York, e che dall’America ha riportato con sé solo qualche suggestione estetica. Mentre seguiamo l’ispettore Stucky nelle indagini su questo misterioso suicidio, e su alcuni assassinii che fanno seguito, e che sembrano essere tutti collegati, ci perdiamo tra le colline del prosecco, ammirandone i profili e i filari delle viti, le grandi ville del passato, i borghi che le costellano, perfino il centro di Treviso, con quella casa bellissima che lo Stucky di Battiston divide con uno zio persiano (Babak Karimi) in Vicolo Dotti. E sì, quel territorio è bellissimo, e quel cementificio che lo minaccia una vergogna, e recuperare il rapporto con la terra rispettandola, sono il simbolo di una esigenza di sostenibilità che, però, Finché c’è prosecco c’è speranza suggerisce di applicare anche alle esistenze delle persone.Tra le campagne e i paesini, con quelle atmosfere da placido e sottile giallo inglese a cui Padovan si è rifatto, Stucky si muove con una soave mollezza un po’ goffa che non è solo figlia dell’insicurezza, di un’umanità che troppo spesso al cinema viene negata, ma anche di quella volontà di fare ma non strafare che sembra comune, in qualche modo, a tutti i personaggi del film.
Sostenibilità insomma non è solo rispetto per l’ambiente, non è solo fare il vino in un certo modo, non è solo non inquinare, ma è anche un modo di vivere la vita, di affrontare le cose e i problemi che ci si parano di fronte, o che abbiamo sulle spalle.
Sostenibiltà, allora, per citare ancora il monologo iniziale, è lasciare qualcosa di incolto, di non fatto, “per non esagerare, per chiedere alle cose un po’ meno di quello che ti possono dare.” Alle cose, sì, e magari anche alle persone, a noi stessi. Non per pigrizia, o negligenza, ma per non esaurirsi: per non correre quando non c’è alcun reale motivo di farlo.