IO C’È

un film di Alessandro Aronadio (Italia / 2018 / Commedia / 100')

sabato 07/04 - ore 22.15
domenica 08/04 - ore 16.00
Cineforum: 01, 02, 03 maggio

Prezzi riservati ai Soci
Intero: 6,5 euro
Ridotto: 5,5 euro (over 65 anni, under 14 anni)

Prezzi al pubblico
Intero: 7 euro 
Ridotto: 6 euro (over 65 anni, under 14 anni)

Recensione

Massimo Alberti ha creduto nel miracolo italiano e poi si è imbattuto nella crisi: il suo bed & breakfast perde colpi (e denari) e la sorella maggiore Adriana, che è sempre stata la cocca di papà, condivide l’opinione genitoriale che Massimo sia incapace di fare alcunché di realmente valido. Il marito di Adriana, vero arrivista senza scrupoli, cerca di portare via al cognato anche quella metà del bed & breakfast che è l’ultima eredità paterna e che rischia di diventare il simbolo del suo definitivo fallimento.

In particolare il fisco lo massacra, affossando il suo piglio imprenditoriale. È allora che Massimo si

rende conto che le sue vicine, un gruppo di suorine tanto scaltre quanto pie, hanno trovato la soluzione giusta per un business esentasse: affittare le stanze del convento a fronte di un’offerta volontaria, sulla quale l’Agenzia delle Entrate non può rivalersi perché il convento cade sotto la definizione legale di “luogo di culto”. Da lì all’inventarsi un culto che trasformi il bed & breakfast in luogo tax free, per Massimo il passo è breve.

Dopo il buon esito di ”Orecchie” Alessandro Aronadio mette il suo sguardo laico e ironico al servizio di una commedia che tanto commedia non è: il film slitta infatti impercettibilmente (ma inesorabilmente) dalla farsa all’italiana, con tanto di eroe cialtrone, a dramma dello spirito. 

Anche la religione inventata da Massimo, lo Ionismo, si rivela molto meno simile ad un culto della

personalità che ad un’assunzione individuale di responsabilità e un’accettazione delle proprie

circostanze che sarebbero davvero la mano santa, di questi tempi. 

Edoardo Leo presta il suo personaggio di italiano medio al “santone” togliendogli ogni sfumatura

realmente messianica, e riportandolo alla consapevolezza dei propri limiti: sarà lui a doversi guardare allo specchio, oggetto sacro dello Ionismo. Adriana, che ha il volto di una Margherita Buy più concreta del solito, e uno scrittore senza pubblico interpretato da Giuseppe Battiston con consumato disincanto, troveranno invece nello Ionismo una sponda per uscire dalla propria impasse. 

La sceneggiatura – firmata da Aronadio, Leo, Renato Sannio e Valerio Cilio (che con grande autoironia presta il suo cognome allo scrittore sfigato della trama) – fa qualche concessione di troppo alla produzione, ma è nella regia che ‘Io c’è’ compie il salto di qualità: alcune scene, soprattutto acquatiche, annunciano un autore con una gestione coraggiosa dell’immagine. Visivamente Aronadio mostra infatti una refrattarietà viscerale a quel compromesso cui cede in sceneggiatura. Come Massimo Alberti, il regista è sempre pronto ad “inventarsi qualcosa” in un cinema, quello italiano, costretto ad arrangiarsi, e il risultato è una cifra stilistica originale, pur all’interno delle costrizioni commerciali. Così come l’aspirazione di Aronadio ad un mondo senza sensi di colpa appare anche un’aspirazione a un cinema privo di inutili ipocrisie.