PINA

di Wim Wenders (Germania, Francia, Gran Bretagna / 2011 / Documentario Musicale / 100’)

Anfiteatro di Palazzo Toaldi Capra
via Pasubio, 52 – Schio (VI)

In caso di maltempo gli spettacoli saranno annullati.

COMPILA IL MODULO DI PRENOTAZIONE (1 a persona)

Massimo 72 prenotazioni disponibili,
altri biglietti disponibili in biglietteria.

Recensione

IMPORTANTE

Per evitare code all’ingresso è importante accelerare la compilazione del modulo anti-Covid con il quale l’associazione è tenuta a tenere traccia di tutti gli spettatori per i 14 giorni successivi alla proiezione.

COMPILA IL MODULO ONLINE

Si deve compilare un modulo per OGNI singolo spettatore!

Signore e signori ecco a voi Pina Bausch. Con un sospiro, una delicata dissolvenza, uno dei più grandi autori della cinematografia tedesca, il maestro Wim Wenders, introduce al grande pubblico cinematografico internazionale un’artista che forse di presentazioni ulteriori non avrebbe bisogno, ma che probabilmente ora sarà ancora più acclamata, celebrata, ricordata anche da chi ancora non conosceva la sua arte.
Pina Bausch è morta nel 2009, improvvisamente, a causa di una malattia che ha troncato la sua carriera di direttrice del Tanztheater Wuppertal, e che ha costretto tutto il suo corpo di ballo a sperimentare il vuoto, l’assenza di un figura che anche nel film di Wenders si comprende essere stata di grandissimo carisma e creatività. Tutti i componenti del suo gruppo di artisti sono chiamati a raccontarla ma non in maniera convenzionale. Tutti silenziosamente, timidamente guardando nella macchina da presa, sfiorano la personalità di Pina presentandola attraverso le parole che ha detto a ciascuno di loro. Basta ricordare un minimo incoraggiamento, un suggerimento affettuoso, un gesto o uno sguardo, e tutti i giovani e meno giovani artisti legati al Wuppertal, ricostruiscono la figura della Bausch per regalarla a Wenders e a chi ora ha il privilegio di guardare il suo film. Pina è un omaggio, non un necrologio, è un atto di amore, non un documentario biografico. È un’operazione con cui Wenders cerca di mostrare, di far vedere, niente di più e niente di meno, perché tanto basta. Perché non è necessario costruire una struttura a un film come questo, a un personaggio come questo. Le performance del corpo di ballo si alternano una dopo l’altra sul palco e sullo schermo, tra passi e movimenti che parlano della coreografa molto meglio di qualsiasi voce fuori campo. Pina è con i suoi ballerini, con i suoi allievi ai quali ha insegnato un modo nuovo di esprimersi, di usare il proprio corpo, di inventare di creare un rapporto con il palcoscenico e con gli oggetti di scena, con gli elementi fondamentali, l’acqua e la terra su tutti, presenti ossessivamente in numerosi spettacoli da lei diretti. Ballerini attori che per Wenders girano per le strade di Wuppertal e inseriscono il proprio corpo in movimento negli spazi urbani, tra le persone, improvvisando ogni tipo di coreografia in luoghi inimmaginabili che acquistano un senso diverso, una valenza spirituale al passaggio e al volo degli artisti.