SUBURBICON

un film di George Clooney

06, 07, 08 febbraio 2018

Gardner Lodge vive nella ridente Suburbicon con la moglie Rose, rimasta paralizzata in seguito ad un incidente, e il figlio Nicky. La sorella gemella di Rose, Margaret, è sempre con loro, per aiutare in casa. 

L’apparente tranquillità della cittadina entra in crisi quando una coppia di colore, i Meyers, con un bambino dell’età di Nicky, si trasferisce nella villetta accanto ai Gardner. 

L’intera comunità di Suburbicon s’infiamma e si adopra per ricacciare indietro “i negri” con ogni mezzo. Intanto, due delinquenti, irrompono nottetempo nell’abitazione dei Lodge e li stordiscono con il cloroformio, uccidendo Rose.

Scheda tecnica

  • Titolo Originale

    Suburbicon

  • Regia

    George Clooney

  • Paese, anno

    USA,2017

  • Genere

    Commedia

  • Durata

    105’

  • Sceneggiatura

    Joel e Ethan Coen, George Clooney, Grant Heslov

  • Fotografia

    Robert Elswit

  • Colonna sonora

    Alexandre Desplat

  • Montaggio

    Stephen Mirrione

  • Interpreti

    Matt Damon, Oscar Isaac, Julianne Moore, Josh Brolin, Michael D. Cohen, Megan Ferguson, Glenn Fleshler, Gary Basaraba, Noah Jupe, Steve Monroe

Recensione

George Clooney diverte, scuote e incanta la 74ª Mostra del Cinema di Venezia con Suburbicon grottesca commedia nera sospesa fra impegno sociale e il thriller alla Hitchcock, che non è difficile inserire già da adesso nella rosa dei sicuri pretendenti ai più prestigiosi premi di questa stagione cinematografica. Un cast di stelle esalta e completa il superbo lavoro in fase di sceneggiatura dei fratelli Coen, nitidamente riconoscibili in ogni secondo di pellicola.

 

La vita del sobborgo borghese di Suburbicon negli anni ’50 viene scombussolata dall’arrivo di una famiglia di colore, vista immediatamente di cattivo occhio dalla perversa e retrograda morale della middle-class dell’epoca. Nelle immediate vicinanze, procede in maniera apparentemente tranquilla la vita della famiglia Lodge, formata dal padre Gardner (Matt Damon), il figlio Nicky (Noah Jupe), la moglie Rose e la gemella Margaret (entrambe impersonate da una formidabile Julianne Moore). L’irruzione nella loro abitazione di due malviventi farà emergere il lato oscuro e i segreti della famiglia, innescando una catena di follia e violenza.

 

Il crudele nichilismo dei fratelli Coen e la critica alla società americana tipica del modo di fare cinema di George Clooney si fondono mirabilmente in un noir dei nostri giorni, attraversato da una vena di tensione e suspense che deriva dalla grande tradizione del thriller americano e continuamente scosso da una feroce satira su qualsiasi forma di pregiudizio e razzismo, di questi tempi più necessaria e attuale che mai.

 

Nel luogo e nell’epoca dove si consuma il più fiero, ipocrita e consumistico perbenismo americano, George Clooney mette in scena una parabola efferata e distruttiva della classe media americana, rappresentata, salvo particolari eccezioni, come un covo di serpi disposte ad annientarsi a vicenda, per poi scaricare colpe e inquietudini sul diverso, sull’emarginato, su chi non ha la posizione e le forze per difendersi autonomamente. Pur attraversando temi complessi e non banali come il razzismo, l’emarginazione, il lutto e la depravazione morale, Suburbicon è costantemente attraversato dalla migliore ironia dei Coen, che stempera e ridicolizza con un umorismo macabro e tagliente anche le sequenze più cupe e violente.

 

George Clooney si volta indietro per guardare avanti, traendo ispirazione e insegnamenti dal noir americano degli anni ’40 e trovando in Julianne Moore una femme fatale postmoderna, apparentemente dimessa e rassicurante ma capace di diventare al momento giusto una sensuale e pericolosa traghettatrice infernale. Un’altra fenomenale prestazione di una delle più grandi dive del cinema contemporaneo, sdoppiata in due per l’occasione, che potrebbe tranquillamente dire la sua nella corsa all’Oscar come migliore attrice protagonista. Ad affiancarla è un sempre più maturo e convincente Matt Damon, di un perfido e inquietante borghese, stretto fra la voglia di arrivare a qualsiasi costo e la sua endemica mediocrità morale e intellettuale.

Pregevole anche la performance dell’esordiente Noah Jupe, unico elemento di purezza e dolcezza in mezzo a un coacervo di crescente depravazione e orrore, specchio di una società che mistifica il diverso, mortificandolo e allontanandolo dalla vita pubblica per camuffare e nascondere la propria bassezza. 

 

George Clooney centra un’opera completa, complessa e con diverse chiavi di lettura, mostrando con acuto sarcasmo la ripetitività e l’ottusità di schemi di pensiero e di comportamento che dagli anni ’50 a oggi appaiono sostanzialmente immutati e pronti a scaricare sul diverso di turno le proprie frustrazioni e inadeguatezze. Con l’aiuto del proverbiale nichilismo dei Coen, il regista americano intrattiene, sconvolge e interroga lo spettatore, realizzando una delle più importanti pellicole di questa stagione cinematografica e puntando fermamente il dito contro lo squallore etico e culturale tuttora imperante nella nostra società.

 

Marco Paiano, www.cinematographe.it